Turismo in Calabria

Amantea Vacanza al Mare in Calabria tra Arte Cultura e Natura

Amantea Vacanza al Mare in Calabria tra Arte Cultura e Natura

"Per la tua vacanza al mare, Amantea, in Calabria è la soluzione, cittadina vivace e ricca di storia, posta direttamente sul mare come i suoi hotel."

Vacanze al mare in Calabria nella bellissima Amantea, cittadina sulla costa Tirrenica, con le belle spiagge di Coreca, il Lungomare, il porticciolo turistico, a breve distanza dall'aeroporto internazionale di Lamezia Terme.

Amantea, è un importante centro turistico sul litorale Tirrenico, posta al confine tra le province di Cosenza di cui fa parte e Catanzaro. Amantea è descritta come la città dalle due anime: una "vecchia", di impianto medioevale che spicca sulla parte più alta del paese, adagiata sulla roccia, sulla cui sommità vi sono le rovine di un antico castello medioevale, le cui fortificazioni sono collegate alle mura di cinta, in parte presenti intorno alla cittadina, e una torre di avvistamento che faceva parte di un sistema più complesso di difesa, costituito da una serie di torri, tutte a vista fra di loro, in modo che potevano comunicare tramite segnalazioni visibili a lunghe distanze; e la "nuova", la parte moderna della città, brulicante e vitale, in grado di offrire un folto assortimento turistico.

Pare che ad Amantea sorgesse l’antica città magnogreca di Clampetia o Lampetia, fondata sui resti di un'antica città bruzia. Sicuramente furono i bizantini poi a creare nel sito dell'attuale centro storico, la città fortificata di Nepetia, il nuovo accampamento" o "nuova città". La città venne rifondata dagli Arabi col nome di Al-Mantiah, "la rocca", da cui ne deriva il nome attuale Amantea, Amantia nel dialetto locale.

I ritrovamenti, durante l’ultima campagna di scavi archeologici del biennio 2005-2007, nella frazione di Campora San Giovanni, ad Amantea, dei resti di due necropoli e di un antico luogo di culto, portano a ritenere con maggiore probabilità che qui sia collocabile l’antica città di Temesa, l’antica e fiorente città mineraria, che per mezzo secolo rappresentò, come raccontano Omero, Plinio il Vecchio e altri storici dell’antichità, un punto di riferimento dell’intero Mediterraneo. Anche Amantea come altre città meridionali passò sotto la dominazione Normanna, poi Sveva, durante la quale il castello venne rinforzato, per volere di Federico II. Il Castello arroccato e la cinta muraria che arrivava fino al mare, furono motivo di resistenza per quasi due mesi contro gli attacchi degli Angioini nel 1269, fino a che i francesi non ebbero la meglio. Agli angioini subentrano gli aragonesi, durante il loro regno il castello di Amantea venne rinforzato e vi venne in visita Alfonso II di Napoli, visitò anche la chiesa ed il convento di San Bernardino da Siena, un ammirabile esempio di chiesa romanica, oggi monumento nazionale.

Ad Amantea il principale luogo di culto è il Duomo dedicato a San Biagio, il quale sorge nel sito occupato anticamente dalla chiesa di rito greco di San Pantaleo. Amantea ha altre chiese del 1600 come quella del Carmine costruita sul sito di un ipotetico tempio pagano dedicato al Sole, o quella di Sant'Elia, tutte in una bella posizione di affaccio sul mare, e con pregevoli opere d'arte all'interno.

Amantea si è dotata negli ultimi tempi anche di un piccolo porticciolo turistico, un approdo per chi vuol arrivare con piccole imbarcazioni ad Amantea. In barca si possono raggiungere gli Scogli d’Isca, davanti alla costa, dove si possono scorgere dei fondali straordinari, sono un'oasi blu del WWF. Amantea mantiene vive le tradizioni e i sapori di una volta con diverse manifestazioni in vari periodi dell’anno: il carnevale di Amantea, di cui si hanno le prime notizie nel 1635; la Fiera dei Morti di Amantea, si pensa ad Amantea come centro di commerci già dal periodo Svevo con tanti prodotti dalla terra al mare da scambiare, come i fichi secchi o la rosamarina, una specialità tutta calabrese.

Altre immagini del Comune di Amantea
Cliccare sull'immagine per ingrandirla
La parte antica di Amantea, i resti del Castello in cima, con la Torre Civita La parte nuova di Amantea sviluppatasi verso il mare Uno scorcio di Amantea, in località Coreca di Amantea Sulla roccia Amantea vecchia, sulla destra si può osservare il campanile del Duomo di Amantea Il Castello di Amantea, i resti del Castello, le mura del colleggio dei Gesuiti, la Torre  Civita angioina sulla sommità
Nei Dintorni...
A Circa 14 Km Fiumefreddo Bruzio e Salvatore Fiume
A Circa 36 Km Fuscaldo
A Circa 20 Km Cleto
Come Arrivare...

Visualizzazione ingrandita della mappa
Utilità...
Disclaimer Registra Struttura Contatti
Privacy Accesso Clienti Segnala Evento
Copyright